I muscoli hanno lavorato con i pushups di declino

I pulsanti sono un ottimo esercizio che non richiedono attrezzature specifiche – in modo da poter essere eseguito in qualsiasi momento e ovunque. Nel tempo, la forma di base di questo esercizio sarà più facile e può richiedere cambiamenti di posizione per renderla più efficace. Il pushup di declino, in cui i piedi sono elevati dal suolo, è una sfida impegnativa dall’esercizio più tradizionale che può aumentare la forza e il tono muscolare. Capire quali gruppi muscolari sono mirati da questo esercizio può essere utile per coloro che desiderano massimizzare la loro routine di allenamento.

Declinazione delle basi di spinta

Un pushup di declino è un esecuzione impegnativo che può essere incluso negli allenamenti di coloro che hanno imparato il pushup più fondamentale. Il pushup di declino richiede di spingere una percentuale più elevata del peso corporeo rispetto ad altre variazioni di pushup. Per eseguire un pushup di declino, mettere le mani sul pavimento sotto le spalle e estendere le gambe dietro il corpo. Invece di riposare i piedi per terra, li elevate su una sedia, su una panca o su un’altra superficie simile. Fissate i gomiti, abbassando il corpo superiore verso terra e tornate nella posizione originale. Ripetere due o tre set da dieci a 15 ripetizioni dell’esercizio per ottenere i migliori risultati.

pettorali

Secondo il Consiglio Americano sull’esercitazione, i pettorali sono un gruppo muscolare che origina sulla clavicola, sul petto, primi sei o sette costole e si attacca all’omero superiore. Questo gruppo muscolare – comunemente denominato “pecs” o “muscoli del torace” – aiuta nella flessione delle spalle e nell’addizione orizzontale. Per eseguire il pushup di declino, i muscoli pettorali devono contrattare eccentricamente mentre abbassano il corpo verso il suolo e concentricamente quando viene sollevata dal suolo. Quanto più elevati i piedi sono elevati durante il pushup di declino, tanto più difficile sarà il lavoro dei muscoli pettorali.

tricipiti

Il muscolo del tricipite – altrimenti noto come il triceps brachii – origina sulla scapola e inserisce l’ulna. Questo gruppo muscolare aiuta nella flessione del gomito e stabilizza la spalla durante il pushup di declino. Come con i muscoli pettorali, più elevati i piedi sono elevati durante una diminuzione di spinta, più stress sarà posto sul tricipite. Mantenere i gomiti stretti al corpo per orientare i tricipiti ancora di più durante un pushup di declino.

Muscoli “core”

L’effetto del push-down sui muscoli del nucleo è ciò che lo differenzia più dalle forme più tradizionali dell’esercizio. Durante il pushup di declino, i muscoli del nucleo – compresi gli addominali, gli obliqui e l’espansore dell’elemento – aiutano a stabilizzare il tronco, evitando così il rischio di lesioni o incidenti. Per sottolineare ancora di più i muscoli del cuore durante l’esecuzione del pushup di declino, considerate di mettere i piedi su una superficie instabile, come quella offerta da una palla da esercizio. È importante ricordare che questa è una versione avanzata dell’esercizio, e non dovrebbe essere tentata dai principianti.