Esercizi di nuoto per le gambe

Il nuoto è spesso consigliato come alternativa all’esercitazione ad alto impatto, come l’esecuzione, il tennis o l’aerobica. È possibile ottenere un allenamento completo senza dover preoccuparsi di battere il pavimento, che può causare danni alle caviglie, alle ginocchia e ai piedi. Oltre a fornire un allenamento cardiovascolare, il nuoto può anche aiutarti a tonificare e rafforzare varie parti del tuo corpo. Le gambe possono ottenere un allenamento da giri da nuoto, tirando acqua e impegnandosi in esercizi di resistenza.

Se preferisci la striscia, la farfalla, il petto o la schiena, il giro del nuoto richiede di calci e di spostare le gambe in ripetizioni perfette. Nuotare per rafforzare e tonificare le gambe significa non preoccuparsi della tua velocità nell’acqua. Invece, si desidera dare alle gambe un allenamento e permettere loro di spingere il corpo mentre si nuota. Mantenere le caviglie flessibili e le punte puntate. Sculacciate dai fianchi in modo che le gambe siano in grado di muoversi dietro di te e dare una buona spinta al muro. Fai quanti più giri possiate prima di fermarvi per riposare.

Le pinne per i piedi aumentano la forza della gamba mentre si nuota. Le lame sulle pinne aumentano la quantità di peso sulle gambe mentre si nuota, causando i muscoli a lavorare più duramente. Tirare le gambe mentre le pinne si appoggiano estendendo da un lato e posizionando il braccio davanti a te. Kick sul tuo fianco senza permettere alle gambe di rompere la superficie dell’acqua. Mantenere le pinne sotto l’acqua utilizzerà la pressione naturale dell’acqua per far funzionare le gambe più dure.

Tonificare la cellulite sulle cosce interne e eliminare i sacchetti di sella può essere raggiunta facendo esercizi di resistenza nell’acqua. Tieni sul bordo della piscina e calci le gambe dietro di te. È anche possibile fare salti laterali in piedi in acqua e saltando da un lato all’altro, portando la gamba non si arriva fino a circa l’altezza dei fianchi. Esegui gli squat nell’acqua, alzando rapidamente una gamba piegata in un momento fino al petto e abbassandola nell’acqua.

Tinteggiare l’acqua nella profondità della piscina può tenerla, tagliare e rafforzare le gambe. Prova un esercizio K-tread, che implica sollevare una gamba alla volta al livello dell’anca di fronte a te pur mantenendolo dritto. Mantenere la schiena dritta e alzare la gamba opposta, mentre il primo sta tornando indietro. Fai questo per ripetizioni di 30 secondi. Un altro modo per aumentare lo sforzo dei muscoli delle gambe è quello di lasciare le braccia e le mani sbarrate mentre battete l’acqua, forzando le gambe per tenerti a galla.

Ricordatevi di stare attenti durante l’esercizio in acqua. Anche un nuotatore esperto può diventare affaticato e disorientato nell’acqua. Evitate di nuotare da soli, e lasciatevi riposare tra i cicli di esercizio. Se hai problemi a respirare o si ottiene un crampo, smettere di nuotare. Quando si nuota in una piscina pubblica, farlo solo quando è presente un bagnino.

Piscine di nuoto

pinne

Esercizi di resistenza

A galla

Sicurezza dell’acqua