Effetti collaterali di aspartame nella soda di dieta

Le bevande senza zucchero, come le bevande dietetiche, sono popolari perché consentono agli individui di indulgere in bevande zuccherate senza la colpa di calorie in eccesso. Tuttavia, i dibattiti continuano ad aumentare per quanto riguarda la sicurezza dell’aspartame, il dolcificante zero-calorico di scelta nelle bevande dietetiche. Pur essendo consapevole dell’assunzione di calorie è importante, è anche necessario comprendere le possibili conseguenze sulla salute di tre metaboliti indipendenti – fenilalanina, acido aspartico e metanolo – prodotti quando l’aspartame è spezzato dal corpo.

Secondo una revisione del 2013 a “Folia Neuropathologica”, l’eccesso di fenilalanina, che è un sottoprodotto di metabolismo aspartame nel corpo, riduce i livelli di serotonina e dopamina nel cervello. La serotonina è responsabile per i cambiamenti dell’umore, i sentimenti di benessere, la memoria e il ciclo di sonno / veglia. Dopamina funzioni per controllare il movimento e svolge ruoli in cognizione, motivazione e sensazioni di piacere. Una revisione nel numero di aprile 2007 della “Psichiatria Molecolare” ha scoperto che i livelli ridotti della serotonina e della dopamina possono contribuire al disturbo depressivo maggiore in quelli con una storia familiare di depressione.

Una funzione primaria del neurotrasmettitore, la dopamina, è il controllo della circolazione muscolare e della locomozione. La dopamina depressiva, che si verifica con l’eccesso di fenilalanina, è responsabile della perdita del controllo muscolare e delle eccellenti capacità motorie del morbo di Parkinson. Mentre gli studi scientifici non confermano un legame tra il consumo di aspartame e il Parkinson, l’amministrazione statunitense di alimenti e farmaci ha ricevuto molte relazioni aneddotiche che suggeriscono che il consumo di soda di dieta può contribuire ad un aumento dei sintomi associati alla malattia di Parkinson.

L’acido aspartico, un altro sottoprodotto di metabolismo aspartame, in quantità eccessive, può causare iperexcitabilità, secondo la revisione del 2013 pubblicata in “Folia Neuropathologica”. Questa reazione si verifica quando l’acido aspartico si converte nel glutammato, un’eccitotossina del neurone che danneggia le cellule nervose. La stimolazione continua dei neuroni alla fine causerà la morte del neurone ed è implicata in molte condizioni neurodegenerative come la malattia di Huntington.

Forse l’effetto più inquietante dell’aspartame è l’avvelenamento dal terzo sottoprodotto del metabolismo aspartame – metanolo. Responsabile per deprimere il sistema nervoso centrale, causando disturbi della vista e essere tossici per il cervello, gli effetti brutti di metanolo provengono dalla sua scissione in formaldeide, un veleno cumulativo e una neurotossina mortale, secondo uno studio pubblicato nel numero di settembre del “Journal of Biosciences “.

Mentre il dibattito sulla carcinogenicità dell’aspartame è ancora attivamente oggetto di ricerca, la possibilità di aumentare l’aspartame aumenta i rischi di cancro, secondo uno studio pubblicato nel numero di dicembre 2010 del “American Journal of Industrial Medicine”. Questo studio ha confermato la capacità potenziale di aspartame Per indurre il cancro al fegato e il cancro ai polmoni nei topi. L’incidenza del cancro era direttamente correlata alla quantità di aspartame consumata, indicando una relazione dose-dipendente. Considerando l’elevata assunzione di soda di dieta tra coloro che lo consumano, questo studio può fornire una visione approfondita degli effetti dell’aspartame sul corpo umano, anche se è necessaria un’ulteriore ricerca.

Depressione

Morbo di Parkinson

ipereccitabilità

Metanolo Avvelenamento

Cancro