Cura della pelle per gli anziani

La pelle diventa più sottile e fragile con l’età. Infatti, la pelle anziana è soggetta a perdita di umidità, sanguinamento e aumento delle rughe. La pelle secca e prurita è comune negli anziani ed è spesso il risultato di condizioni come la stasi e la dermatite esfoliativa. La cura per la pelle anziana richiede l’utilizzo di prodotti che forniscono protezione e aiutano a riempire l’umidità persa.

Doccia o bagni la pelle due o tre volte alla settimana usando acqua calda, non calda. Lavare con un sapone appositamente fabbricato per l’uso su pelle secca e sensibile e sciacquare bene dopo il lavaggio.

Pellicola la tua pelle secca con un asciugamano dopo il bagno o la doccia per rimuovere l’acqua in eccesso. Applicare immediatamente una crema idratante alla tua pelle mentre la tua pelle è ancora umida per bloccare l’umidità.

Applicare una protezione solare per la pelle anziana se si avvia all’aperto. Utilizzare una protezione solare che ha un fattore SPF di almeno 15 e protegge la pelle dai raggi ultravioletti A e B. Questo aiuta a proteggere la pelle dalla combustione e impedisce alcuni tipi di cancro che sono comuni nella pelle di invecchiamento.

Eseguire controlli quotidiani della pelle invecchiata. Cercare cambiamenti nel colore, nella dimensione e nella forma dei moli. Segnala immediatamente queste modifiche alla pelle a un medico. Inoltre, controllare la pelle per lividi, peeling, strappo, prurito persistente e crescita anormale, che possono essere tutti segni di grave malattia.

Aumentare l’umidità usando un umidificatore se l’aria è normalmente asciutta. L’aria secca può esacerbare i problemi di perdita dell’umidità associati alla pelle di invecchiamento. I livelli di umidità all’interno dell’aria compresi tra il 30 e il 50 percento sono ideali, spiega il Dipartimento per la sanità pubblica dell’Illinois.

Nutrizione del cervo di maiale

Il culo di maiale, noto anche come Boston butt, effettivamente viene dalla spalla di un maiale, non la sua parte posteriore. Potete arrostire, grigliare o tagliare questo taglio di carne per far sorseggiare maiale. Anche se contiene vitamine benefiche, minerali e proteine, il culo di maiale è anche elevato in calorie e grassi. Vuoi mangiare questa carne marmellata in moderazione per evitare complicazioni sanitarie.

Un servizio di 3 once di porco di maiale, che è circa la dimensione di un mazzo di carte da gioco, contiene 277 calorie. Di queste calorie totali, 85 provengono dai 21 grammi di proteine ​​che questa dimensione serve di cetriolo di maiale contiene. Questa proteina dietetica aiuta a soddisfare il tuo fabbisogno quotidiano di 0,8 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo raccomandato dall’Istituto di medicina. La proteina è essenziale per la crescita e la riparazione di cellule, muscoli, pelle e altri organi, nonché la digestione e la produzione di liquidi corporei.

Il marmorizzazione in maiale contribuisce a sapore alla carne, ma aggiunge anche il contenuto di grassi. Dalla 3 servi di maiale, si ottiene circa 15 grammi di grasso alimentare. L’Istituto di Medicina raccomanda di limitare l’assunzione di grassi al 20-35 per cento della vostra assunzione giornaliera calorica. Per una dieta calorica di 2.000, questo significa non più di 44 a 78 grammi di grasso al giorno. È possibile ridurre il contenuto di grassi di maiale tagliando qualsiasi grasso visibile dalla carne prima della cottura e svuotando qualsiasi grasso durante il processo di cottura.

Il culo di maiale contiene anche grassi saturi non salutari, nonché il colesterolo, una sostanza cerosa e grassa. Entrambi questi contribuiscono ad elevati livelli di colesterolo, che possono aumentare il rischio di malattie cardiache e ictus. Dei 15 grammi di grasso per servazione, 6 grammi provengono da grassi saturi. L’American Heart Association raccomanda di consumare non più di 16 grammi di grassi al giorno per una dieta di 2.000 calorie. Il culo di maiale ha anche 83 milligrammi di colesterolo per 3 once. È necessario limitare il colesterolo a 300 milligrammi al giorno se sei sano e a 200 milligrammi al giorno se hai un alto livello di colesterolo.

Mangiare il culo di maiale ti fornisce alcune vitamine e minerali essenziali. È una buona fonte di vitamine B, selenio e zinco. B vitamina aiuta il metabolismo energetico, contribuisce alla salute del cuore e alla produzione di globuli rossi, oltre a contribuire a mantenere sani la pelle, il sistema nervoso e il sistema digestivo. Il selenio minerale svolge un ruolo nella tua salute tiroide e riproduttiva, oltre che nella difesa contro i radicali liberi e l’infezione, secondo l’Ufficio di integratori alimentari. Lo zinco in culo di maiale supporta la funzione immunitaria, la guarigione della ferita, la divisione cellulare e la sintesi proteica.

Calorie e proteine

Contenuto totale di grassi

Grassi saturi e colesterolo

Vitamine e minerali

Proteine ​​nei semi di girasole

I semi di girasole sono un’aggiunta veloce e sana ad un’insalata verde o possono essere mangiati semplicemente come uno spuntino. Un serving, o un grammo di semi sgranati, contiene proteine ​​muscolari e grassi buoni che aiutano a ridurre il colesterolo e ridurre l’infiammazione.

Valori nutrizionali

Una porzione di semi di girasole contiene 175 calorie, 5 grammi di proteine, 14 grammi di buoni grassi e 3 grammi di fibre. I semi di girasole sono un modo sano per consumare proteine ​​a causa dell’elevato contenuto di grassi buoni e del basso contenuto di grassi cattivi. Inoltre, i piccoli semi sono imballati con fibre che possono aiutare nella digestione, aiutano a abbassare il colesterolo e mantenerle più a lungo.

Trucco minerale

I semi di girasole contengono magnesio, potassio e fosforo che funzionano come elettroliti per aiutare a mantenere equilibrati i liquidi corporei. A seconda del processo di lavorazione dei semi di girasole, il contenuto di sodio può essere relativamente elevato. Una porzione può contenere fino a 208 milligrammi di sodio. Stick con i semi crudi o arrostiti senza sale per diminuire l’assunzione di sodio e rischio di alta pressione sanguigna.

Sedia a dondolo per il dolore alla schiena

La terapia della sedia a dondolo per il dolore alla schiena è esistita da almeno 50 anni. L’utente più famoso della sedia a dondolo per il mal di schiena cronico è stato il presidente Kennedy. Il dondolo ripetitivo in una sedia a dondolo aumenta la proprioception, che è la consapevolezza del corpo della posizione delle sue varie parti, come la colonna vertebrale e le estremità inferiori, in relazione tra loro. Anche se non è ufficialmente una sedia a dondolo, il sedile a gravità zero è vantaggioso per i malati di schiena, a causa del suo posizionamento della colonna vertebrale, delle anche e delle gambe.

Presidente Kennedy

Lo specialista mondiale del tessuto molle e l’autore Janet Travell hanno raccomandato che il presidente Kennedy usa una sedia a dondolo dopo aver trovato molto confortevole la sedia a dondolo nel suo ufficio. È stato riferito che ha usato uno ogni posto che è andato, anche a bordo di Air Force One, per diminuire il dolore alla schiena da lesioni subite durante la seconda guerra mondiale.

raccomandazioni

Il dottor Barry L. Marks, un chiropratico della California, propone i seguenti esercizi seduti su una sedia a dondolo. Scivolare delicatamente con entrambi i piedi piatti sul pavimento spingendo con solo le gambe per 5 minuti. Quindi, alzare i tacchi e avere solo le punte delle dita che contattano il pavimento e spingono le gambe per 5 minuti. Eseguire la terza fase con un leggero dondolo per 5 minuti con solo i tacchi che contattano il pavimento. Questi esercizi possono essere ripetuti per tutta la giornata per aumentare il flusso sanguigno alle gambe e aumentare la propriocezione nella colonna vertebrale.

Precauzioni

La terapia della sedia a dondolo non è per tutti i malati di schiena. Potrebbe essere difficile a causa della superficie di seduta e della mancanza di supporto lombare. In questo caso si può provare l’uso di un cuscino di seduta in gomma o di un cuscino per la cuscino di seduta. È possibile utilizzare un supporto lombare per fornire una maggiore area di contatto per il basso per distribuire le forze in modo più uniforme.

Zero Gravity Chair

Un altro tipo di sedia che soffrono di mal di schiena e di sciatica è utile il reclinabile a gravità zero. Non è una sedia a dondolo, ma i suoi effetti terapeutici per il corpo sono estremamente efficaci. Il dottor Stewart Eidelson, un chirurgo ortopedico a Boca Raton, Florida, afferma: “La posizione di gravità zero riduce la quantità di forza esercitata sulla spina dorsale”. Il concetto di gravità zero è stato prima sviluppato dagli scienziati di ricerca della NASA quando stavano cercando le posizioni migliori per gli astronauti durante il lancio.

Vantaggi di gravità zero

La sedia a gravità a zero ergonomicamente progettata posiziona il corpo in modo che le gambe siano più alte del cuore e la spina dorsale sia in posizione neutrale. I vantaggi terapeutici della posizione di gravità zero includono: la decompressione spinale, la tensione muscolare del flessore dell’anca sulla colonna vertebrale e una migliore circolazione e livelli di ossigeno nel sangue.

La riflessologia del rilievo del seno

La pressione sinusale è al massimo fastidiosa e gravemente dolorosa al peggio. Se il problema proviene da allergie, inquinanti o altri irritanti ambientali – o è un grave disturbo – potresti trovare qualche sollievo dalla congestione e dolore che accompagna usando la riflessologia. La riflessologia è una serie di tecniche che si basano su mappe di nervi nelle mani e nei piedi. Applicando pressione a punti specifici, potresti essere in grado di alleviare i problemi sinusali.

aspettative

La riflessologia può essere altrettanto efficace per il sollievo del seno come altri rimedi omeopatici, come l’irrigazione nasale con una lampadina o un pentola, secondo uno studio di School of Medicine di Wisconsin University. I partecipanti allo studio hanno rilevato significativi rilievi dopo due settimane, tra cui una diminuzione dell’uso dei farmaci del seno. Potrebbe essere necessario un intervento più forte se i problemi del seno sono correlati a gravi infezioni o blocchi – ma se la riflessologia può aiutare, funzionerà meglio quando sei idratato. Bere molta acqua regolarmente e soprattutto bere un bicchiere grande prima di intraprendere tecniche di rilievo del seno.

Punti

I punti di riflessologia per il sollievo del seno si trovano alle punte delle dita, delle punte delle dita dei piedi e sotto le unghie di ciascuno. Sotto le unghie delle mani, i punti meridionali o energetici si trovano sul lato esterno o interno del letto del chiodo. Il punto del pollice è sul lato esterno. L’indice e i punti del dito medio si trovano sullo stesso lato del pollice. Il dito anulare è sul lato del rosa e il rosa ha due punti su ciascun lato del letto di chiodo. Il piede maggiore ha due punti su ciascun lato del letto del chiodo e i punti delle altre dita sono situati sul lato esterno più vicino alla punta dentata.

Tecnica

Puoi eseguire questa tecnica, chiedere a qualcuno di aiutarti o visitare un reflexologo certificato. Spingere le punte di ciascuna delle dita e delle dita individualmente per almeno cinque secondi ciascuno. Inizia sul piede destro, poi la mano destra, seguita dal piede sinistro e dalla mano sinistra. Dopo aver spremuto le punte, passate ai punti appena sotto le unghie di ogni punta e dito, nello stesso ordine. Utilizzare un dito e applicare la pressione in un movimento in senso orario per almeno 10 secondi ciascuno, quindi per altri 10 secondi in senso antiorario.

Sotto le dita dei piedi

Secondo ReflexologyGuide.org, la parte inferiore delle dita dei piedi, ad eccezione delle dita grosse, contiene ciascuno due punti, al di sotto delle punte e sopra le palle dei piedi, che possono anche aiutarti con il sollievo del seno. Direttamente sotto questi punti, sulle palle dei piedi, sono punti che stimolano le orecchie. Con l’applicazione di simili pressioni, come sopra descritto, a questi punti, si possono verificare sollievo di sintomi legati al blocco del seno, al drenaggio o all’infezione legata al canale dell’orecchio.

Terapia naturale per polimiosi

Polimiosite significa infiammazione di molti muscoli. È una malattia cronica che causa la debolezza dei muscoli scheletrici coinvolti nel movimento. I muscoli colpiti sono vicini al tronco del corpo: anca, coscia, spalla, braccio superiore, collo, diaframma e muscoli della parete toracica. La malattia colpisce il corpo simmetricamente. Ciò significa che se colpisce l’anca sinistra, l’anca destra sarà anche influenzata. La polimiosite si verifica più spesso negli adulti di età compresa tra 30 e 60 anni. Colpisce più donne che uomini e più persone nere che bianche.

Causa

Il sistema immunitario lavora per distruggere gli organismi patogeni invadenti che possono causare malattie o infezioni. Il termine “autoimmune” significa resistenza a sé. La polimiosite è una malattia autoimmune in cui il corpo, per motivi sconosciuti, inizia ad attaccare le proprie cellule come se fossero organismi stranieri.

Effetti della polimiosite

Politiosite si sviluppa gradualmente in settimane o mesi, e ci possono essere periodi di remissione. A causa dei muscoli indeboliti, la persona diventa sempre meno capace di muoversi. Questo può influenzare la capacità di svolgere attività di vita quotidiana. Questa malattia può progredire per influenzare i muscoli del sistema respiratorio, portando alla polmonite di aspirazione e ai muscoli della bocca e della gola, causando difficoltà a deglutire e a parlare. Le persone con polimiosite spesso si lamentano di tenerezza articolare e muscolare.

Trattamento convenzionale

Non esiste alcuna cura per la polimiosi. I corticosteroidi sono usati per sopprimere il sistema immunitario così come altri farmaci classificati come immunosoppressori. Le terapie fisiche, dietetiche e del linguaggio fanno parte dell’arsenale delle armi di medicina tradizionale contro questa malattia.

Terapie naturali per polimosi

Ganoderma lucidum, noto come reishi, proviene da un fungo ad albero usato in Cina e Giappone per il trattamento di malattie autoimmuni. Si crede di influenzare il sistema immunitario, ma non è noto se lo rafforza. Ha proprietà antinfiammatorie ed è un antiossidante. La Clinica Lahey, tuttavia, riferisce che a questa data non sono stati effettuati affidabili studi controllati con placebo su doppio cieco per verificare questo. Ray Sahelian, nel suo articolo “La terapia alternativa della malattia autoimmune con la dieta, le vitamine, le erbe e i supplementi, il trattamento naturale”, afferma che l’omega 3, l’omega 6, la vitamina E e il tè verde possono rallentare il progresso della polimiosite attraverso i loro effetti sul processo infiammatorio. Inoltre riferisce che la vitamina D inibisce processi proinfiammatorie sopprimendo l’attività aumentata delle cellule immunitarie che partecipano alla reazione autoimmune. Gli integratori orali di creatina combinati con esercizi a casa si dicono per migliorare le prestazioni muscolari funzionali e vengono utilizzati a questo scopo dagli atleti. Tuttavia, gli Istituti Nazionali di Sanità riportano che non esistono prove sufficienti per valutare la sua efficacia nel trattamento della polimiosi.

È importante per le persone con polimiosite che cercano trattamenti alternativi per lavorare a stretto contatto con un fornitore di assistenza sanitaria per assicurare che non esista alcun rischio di interazione tra il trattamento convenzionale e l’uso di terapie naturali.

raccomandazioni

Le caviglie dolorose dopo lo sci

Sciare richiede equilibrio e controllo, che può tassare notevolmente i muscoli e le articolazioni. La posizione fondamentale per lo sci alpino è una caviglia parzialmente flessicata. Sciatori che non sono abituati a questa posizione o che si spingono oltre i limiti del proprio corpo possono incontrare caviglie toraciche dopo lo sci. Questa è una denuncia comune di apres-ski che è minore e temporanea nella maggior parte degli sciatori. Coloro che soffrono di dolori alla caviglia devono contattare un medico.

Funzione della caviglia

Il giunto della caviglia può essere piccolo, ma deve essere forte per portare costantemente il peso corporeo in piedi, a piedi o fare quasi qualsiasi altro tipo di movimento. La caviglia gioca un ruolo fondamentale nell’azione di equilibrio che è necessario eseguire durante lo sci. Questo piccolo giunto si flette, si estende e ruota per consentirti di spostare avanti, indietro e lateralmente sui pendii. Riscaldamento con una breve passeggiata, jog o una serie di jumping jack aiuta a sciogliere la caviglia in modo che possa fare il suo lavoro senza problemi quando si sci. Il bilanciamento su una tavola oscillazione per due o tre minuti, più volte alla settimana, può anche migliorare il tuo equilibrio per prevenire le caviglie torbide.

Rafforzamento muscolare

Rafforzare le caviglie, o più accuratamente, i muscoli e altri tessuti molli che supportano le articolazioni della caviglia, possono migliorare il tuo equilibrio e ridurre al minimo l’indolenzimento dopo una giornata di sci. In primo luogo, eseguire semplici rotazioni e esercizi di flessione per aumentare la tua gamma di movimento e flessibilità. Punti le dita dei piedi e ruotate le caviglie in senso orario, in senso antiorario. Ruotare per 15 secondi in ogni direzione. Rafforzare il giunto con esercizi di scrunching. Curl le dita dei piedi come se stavi cercando di prendere un asciugamano o un marmo con il piede. Usa i puntelli reali se ti aiuta a lavorare i muscoli giusti, completando 10 ripetizioni. Infine, un tratto di vitello a parete non solo allunga la gamba, ma rafforza e stabilizza le caviglie per prevenire dolori dopo lo sci. Stand rivolto verso una parete con le palme che toccano la superficie. Mettere i piedi in modo che uno sia in pochi centimetri di fronte all’altro. Mantenere la gamba posteriore dritta e la gamba anteriore piegata, spingere contro il muro. Dovresti sentire un tratto nel tuo vitello posteriore. Tenere premuto per almeno 15 secondi.

Adattamento corretto del pattino

La dolorabilità della caviglia legata al calcio non può provenire da caviglie deboli e scarsa equilibrio, ma semplicemente un caricamento che non si adatta proprio nel giusto modo. Gli scarponi da sci hanno il compito di fornire un sostegno alla caviglia e permettono anche alle caviglie di flettersi in modo appropriato. Trovare la giusta combinazione in un bagagliaio non è sempre facile. Generalmente, gli sciatori inesperti si esibiscono meglio con stivali più morbidi che danno di più, questo vi permetterà anche di spostare la caviglia senza sforzare i muscoli. Più sciatori esperti tendono ad avere l’equilibrio, il coordinamento e il condizionamento necessari per indossare un boot più rigido senza ripercussioni. Tuttavia, provare su una varietà di stivali, inclusi quelli con flex regolabile, fino a trovare uno stile confortevole.

Affrontare le lesioni

Le lesioni alla caviglia sono comuni negli sciatori, snowboarder e atleti che partecipano ad altri sport di neve. I legamenti del legamento e del tendine, i ceppi e le tensioni muscolari vanno con il territorio. Le lesioni che non si migliorano nel corso di pochi giorni con gli sciaccioli, il riposo e il sovradosaggio di dolori quali ibuprofene e acetaminophen possono richiedere una cure mediche più avanzate. Consultare il medico quando il dolore è grave o se non è possibile sopportare il peso sulla caviglia.

Frutta a guscio e frutta secca per una dieta senza amido

Gli alimenti di origine ambrata hanno un elevato contenuto di carboidrati e la maggior parte degli americani li mangia quotidianamente. Ad esempio, l’amido si trova nei cereali di prima colazione, in farina d’avena, croissant, brindisi e muffin a colazione, il panino, panini, pizza, patatine fritte o riso a pranzo e le vostre patate, pasta, tortilla, panini o mais . Molti snack cibi hanno anche un alto contenuto di amido, tra cui cracker, granola, pretzels, torte di riso e muffin. Se stai eliminando gli amidi dalla vostra dieta, frutta secca e frutta secca sono soddisfacenti e opzioni snack nutrienti.

Andare su una dieta senza amido è un modo efficace e semplice per limitare l’assunzione di carboidrati e un’assunzione inferiore di carboidrati può aiutare a perdere peso, a diminuire i trigliceridi e migliorare i livelli di colesterolo HDL, secondo il numero di maggio 2004 di “Annali di Medicina Interna.” Tuttavia, i carboidrati non comprendono solo gli amidi, ma comprendono anche zuccheri e fibre. È bene limitare anche lo zucchero, i dolcificanti e le caramelle aggiunti sulla vostra dieta senza amido, perché questi alimenti forniscono solo calorie vuote, ma è possibile ottenere una moderata quantità di carboidrati da frutta, yogurt e latte, se lo si desidera.

Frutta secca e frutta secca sono privi di amido e possono essere inclusi nella vostra dieta senza amido. Le noci contengono proteine, che sono i nutrienti più sazienti e grassi monounsaturated sani, che sono buoni per promuovere la salute del cuore. Un grammo di noci contiene circa 163 a 204 calorie, 2,2 a 6,7 ​​g di proteine, 14,0 a 21,5 gr di grassi, 3,9 a 6,1 g di carboidrati e 1,9 a 3,5 g di fibra. I frutti secchi sono bassi di grassi e proteine, ma ricchi di carboidrati, con circa 70-93 calorie, 18,6-25,0 g di carboidrati e 1,7 – 2,3 g di fibra per 2 – 4 cucchiai, a seconda della varietà.

Quando si scelgono i dadi, optare per i dadi arrosti o semplici. Evitare quelli che sono ricoperti di zucchero o conditi con sale o altre salse salate. Leggere l’elenco degli ingredienti per garantire che nessun grasso, in particolare nessun grasso trans come accorciamento o oli idrogenati, è stato aggiunto. Con frutta secca, scegliete frutta secca non zuccherata. I frutti secchi sono naturalmente dolci perché contengono naturalmente zuccheri naturali. Lo zucchero aggiunto contribuisce ad aumentare l’assunzione di calorie e zuccheri e può ostacolare la perdita di peso.

Crea il tuo percorso mescolando combinando diversi dadi e frutta secca. Ad esempio, si potrebbe avere un mix tropicale con noci di macadamia, un po ‘di fiocchi di noce di cocco secchi, mango essiccato, papaya secca e banana secca. Mettere la miscela in un sacchetto o un contenitore di plastica e portarla a lavorare o portarla nella borsa della palestra se ti serve uno spuntino. Potete anche mescolare le mandorle con i mirtilli secchi, le noci con mele secche e un tocco di cannella e noce moscata, arachidi e uva passa, o mettere tutti i diversi frutta secca e frutta secca a disposizione per un mix di sorpresa.

Dieta senza amido

Frutta secca e frutta secca

Fai scelte intelligenti

Esempi di combinazioni

I muscoli hanno lavorato con i pushups di declino

I pulsanti sono un ottimo esercizio che non richiedono attrezzature specifiche – in modo da poter essere eseguito in qualsiasi momento e ovunque. Nel tempo, la forma di base di questo esercizio sarà più facile e può richiedere cambiamenti di posizione per renderla più efficace. Il pushup di declino, in cui i piedi sono elevati dal suolo, è una sfida impegnativa dall’esercizio più tradizionale che può aumentare la forza e il tono muscolare. Capire quali gruppi muscolari sono mirati da questo esercizio può essere utile per coloro che desiderano massimizzare la loro routine di allenamento.

Declinazione delle basi di spinta

Un pushup di declino è un esecuzione impegnativo che può essere incluso negli allenamenti di coloro che hanno imparato il pushup più fondamentale. Il pushup di declino richiede di spingere una percentuale più elevata del peso corporeo rispetto ad altre variazioni di pushup. Per eseguire un pushup di declino, mettere le mani sul pavimento sotto le spalle e estendere le gambe dietro il corpo. Invece di riposare i piedi per terra, li elevate su una sedia, su una panca o su un’altra superficie simile. Fissate i gomiti, abbassando il corpo superiore verso terra e tornate nella posizione originale. Ripetere due o tre set da dieci a 15 ripetizioni dell’esercizio per ottenere i migliori risultati.

pettorali

Secondo il Consiglio Americano sull’esercitazione, i pettorali sono un gruppo muscolare che origina sulla clavicola, sul petto, primi sei o sette costole e si attacca all’omero superiore. Questo gruppo muscolare – comunemente denominato “pecs” o “muscoli del torace” – aiuta nella flessione delle spalle e nell’addizione orizzontale. Per eseguire il pushup di declino, i muscoli pettorali devono contrattare eccentricamente mentre abbassano il corpo verso il suolo e concentricamente quando viene sollevata dal suolo. Quanto più elevati i piedi sono elevati durante il pushup di declino, tanto più difficile sarà il lavoro dei muscoli pettorali.

tricipiti

Il muscolo del tricipite – altrimenti noto come il triceps brachii – origina sulla scapola e inserisce l’ulna. Questo gruppo muscolare aiuta nella flessione del gomito e stabilizza la spalla durante il pushup di declino. Come con i muscoli pettorali, più elevati i piedi sono elevati durante una diminuzione di spinta, più stress sarà posto sul tricipite. Mantenere i gomiti stretti al corpo per orientare i tricipiti ancora di più durante un pushup di declino.

Muscoli “core”

L’effetto del push-down sui muscoli del nucleo è ciò che lo differenzia più dalle forme più tradizionali dell’esercizio. Durante il pushup di declino, i muscoli del nucleo – compresi gli addominali, gli obliqui e l’espansore dell’elemento – aiutano a stabilizzare il tronco, evitando così il rischio di lesioni o incidenti. Per sottolineare ancora di più i muscoli del cuore durante l’esecuzione del pushup di declino, considerate di mettere i piedi su una superficie instabile, come quella offerta da una palla da esercizio. È importante ricordare che questa è una versione avanzata dell’esercizio, e non dovrebbe essere tentata dai principianti.

Effetti collaterali di integratori di amino

Gli amminoacidi aggiuntivi sono generalmente considerati sicuri, ma attenzione ai possibili effetti collaterali da arginina e metionina. Anche tenere presente che gli amminoacidi a catena ramificata potrebbero sconvolgere l’equilibrio dei neurotrasmettitori. Non dimenticare che non è stata stabilita una dose massima sicura per gli amminoacidi, quindi rivolgiti al proprio medico se ha delle domande circa l’importo che funziona per le tue circostanze.

Aminoacidi bilanciati

Il tuo corpo ha bisogno di una quantità sufficiente di tutti gli aminoacidi essenziali, ma la quantità non è l’unico fattore importante. Hai anche bisogno di una proporzione equilibrata di ciascun amminoacido per assicurare che il tuo corpo possa produrre proteine ​​e mantenere il tuo metabolismo in esecuzione. Gli animali da laboratorio hanno sperimentato effetti collaterali quando hanno consumato aminoacidi in proporzioni diverse da quelle che avrebbero ottenuto attraverso una dieta equilibrata, secondo una revisione del Journal of Nutrition nel giugno 2004. La ricerca non mostra gravi effetti collaterali derivanti da integratori di aminoacidi , Ma possono interagire con farmaci da prescrizione, secondo Drugs.com.

Effetti collinari

L’arginina aiuta a rimuovere l’ammoniaca tossica dal corpo e aumenta il tuo sistema immunitario, ma può essere meglio conosciuto per la sua capacità di stimolare la produzione di ormoni della crescita e di ossido nitrico. L’ossido nitrico riempie molti ruoli vitali, da abbassare la pressione sanguigna a servire come neurotrasmettitore nel tuo cervello. Tuttavia, alcune persone soffrono di gonfiori, dolori addominali, diarrea e gotta da integratori di arginina. Può alterare seriamente i livelli ematici di potassio in persone con malattie epatiche o renali. Abbassa anche la pressione sanguigna, che potrebbe essere pericolosa se ha già una bassa pressione sanguigna, riporta MedlinePlus. Consultare il proprio medico prima di prendere arginina se hai subito un attacco cardiaco recente o hai diabete, ulcere, allergie, asma o herpes.

Metionina e vasche sanguigne

Oltre alla costruzione di proteine, la metionina viene usata per produrre un altro aminoacido, omocisteina. Prendere supplementi di metionina può aumentare i livelli di omocisteina, che potrebbe essere una preoccupazione per la salute perché l’alta omocisteina può causare malattie vascolari. Se si prende prendere integratori di metionina, assicurarsi di avere un sacco di folati, vitamina B-6 e vitamina B-12, che sono vitali per ridurre la quantità di omocisteina nel sangue. Le donne in stato di gravidanza sono invitate a non prendere integratori di metionina e nessuno dovrebbe prendere alte dosi per molto tempo, a meno che sotto la supervisione di un medico, raccomanda Eskenazi Health.

Aminoacidi a catena ramificata

Gli amminoacidi a catena ramificata – leucina, isoleucina e valina – promuovono la sintesi proteica muscolare quando vengono presi prima e dopo l’esercizio, secondo una relazione del Journal of Sports Medicine e Physical Fitness nel settembre 2008. Aminoammina a catena ramificata Acidi o BCAA, competono anche con altri aminoacidi, come il triptofano e la tirosina, per accedere al tuo cervello. Poiché questi amminoacidi utilizzano gli stessi trasportatori per entrare nel tuo cervello, l’amminoacido trovato nella concentrazione più grande del tuo sangue ha maggiori probabilità di penetrare rispetto agli altri. Un livello di dispersione elevato di BCAA da integratori può ridurre la quantità di triptofano e tirosina trasportata nel cervello, il che comporta livelli inferiori dei neurotrasmettitori che producono, inclusa la serotonina che aumenta l’umore.